Grafite, grafite e ancora grafite. Grassa e sbaffona, secca e calcata, sfumata e cancellata via. Protagonista assoluta di quella che è probabilmente la prima rivista dedicata unicamente all’illustrazione a matita, Tiny Pencil.

Fondata da due giovani artiste di base a Londra—Amber Hsu, cinese ma cresciuta nel regno unito, e Katriona Chapman—Tiny Pencil ha debuttato giusto questo mese con un numero interamente dedicato al tema boschi & foreste (il sottotitolo è Into the Woods We Go), sviluppato in 64 pagine da artisti di tutto il mondo, tra illustratori e fumettisti, alcuni specializzati nell’uso della grafite, altri totalmente nuovi a questo mondo ma desiderosi di sporcarsi le mani (letteralmente) con le matite.

Il magazine—che accetta l’invio dei lavori da inserire nei prossimi numeri—in Italia non è ancora in vendita (ma sono pronto a giocarmi due astucci pieni di Faber Castell che da Inuit arriverà in men che non si dica). Nel frattempo si può acquistare online.