7 opere e 7 domande, alle 7 di mattina, ad illustratori che si svegliano presto o non sono ancora andati a dormire.
Oggi è la volta di Katya Longhi (qui il suo blog e qui la sua pagina Facebook).

Ciao Katya, di dove sei, quanti anni hai e da quanto fai l’illustratrice?
Ciao, sono di Trento.
Ho 28 anni e mezzo (si dice ancora così vero? :D) ho vissuto a Firenze per 6 anni, dove mi sono laureata e dove ho continuato gli studi di illustrazione fino al 2010, anno in cui ho iniziato seriamente il mio lavoro di illustratrice, prima mi occupavo gia di illustrazione, ma sempre piccole cose.
Adesso vivo a Vercelli col mio moroso e continuo a lavorare come professionista.

Matita o penna grafica?
Uso entrambe le cose, generalmente creo lo sketch a matita, dipende anche un po’ da come mi sento, se mi scoccia avere fogli e matite sparsi sul tavolo faccio direttamente tutto al computer, ma disegnare mi piace tantissimo, quindi spesso concedo agli strumenti da disegno di invadere il mio totale spazio personale! :)
Per quanto riguarda il colore, tutto totalmente digitale, adoro poter gestire come voglio e quando voglio il colore senza alcun problema, Photoshop è come il mio piccolo bambino!

Cosa fai quando non disegni?
È veramente difficile che nel tempo libero non disegni, ma se non lo faccio esco a fare la spesa col moroso o faccio del sanissimo shopping post lavoro, compro un sacco di libri illustrati, guardo qualche serie tv, o semplicemente mi dedico, come ogni donna, alle pulizie di casa!
Vivo una vita normale, se così si può chiamare, il disegno comunque occupa una grandissima parte della mia esistenza!

Cosa c’è sulla tua scrivania?
Di tutto, dai dolcetti alle caramelle, alla moleskine, al posacenere, libri, pacchi di pan di stelle, matite, fogli, cartelle, telecomandi, il mio computer e ovviamente, la mia bacchetta magica!

Un disegno pesa quanto…
Un sentimento! Una mutazione continua, non è mai costante, dalla matita al lavoro finito, dall’odio di un lavoro che non riesce al totale amore di qualcosa che viene proprio come te l’aspettavi!

Un libro di cui vorresti illustrare la copertina e un film di cui vorresti fare il poster.
Harry Potter, adoro la magia, fa proprio parte della maggior parte dei miei lavori, penso sia una caratteristica che mi contraddistingue in modo molto evidente.
Un film, Polar Express, mi commuovo ogni volta che lo vedo, mi fa venire i brividi!

Un illustratore o un’illustratrice che mi consiglieresti?
Daniela Volpari e Isabella Mazzanti, le trovo divine!

Altre storie
Fabio Sgroi e la Palermo degli anni ’90 in un libro fotografico di Union Editions