Nonogiorno

Già è complicato viverci con un fratello, immaginate lavorarci anche insieme.
Qua di fratelli ce ne sono addirittura tre, Simone, Laura ed Alessandro Ruffato, che hanno realizzato tutto in famiglia il loro sogno d’infanzia: avere un loro marchio e produrre oggetti per la casa—minimali e ironici, come piacciono a loro—e dedicarsi alla progettazione di interni.

I fratelli Ruffato vengono ciascuno da esperienze differenti, sia nel campo della comunicazione che del design, e si sono ritrovati per fondare Nonogiorno:
«Il Signore impiegò sei giorni per costruire la terra, il settimo giorno si riposò, l’ottavo giorno ci fu l’apocalisse. Del nonogiorno non vi è alcuna letteratura, secondo noi è il giorno della rinascita dopo l’apocalisse», spiegano.

Gli oggetti d’arredo di Nonogiorno nascono per portare il verde in casa, con la speranza che la natura diventi protagonista della vita domestica. Tutti i prodotti, realizzati principalmente in Plexiglass ma anche utilizzando materiali ecologici come Paperstone (materiale costituito da carta ricilata e resine che derivano a da acqua e gusci di anacardo), Durat (composto da resina di poliestere vergine ed acrilico riciclato) e Alkemi (scaglie di alluminio riciclato e resina polimerica), sono made in Italy: le curvature vengono fatte a mano da esperti artigiani e per questo ogni pezzo è di fatto unico, con leggere imperfezioni. Imballaggi e packaging, infine, sono eco-compatibili e in carta riciclata.

Oltre alla collezione di oggetti per la casa—in vendita sul negozio online—Nonogiorno ha al suo interno anche due ulteriori sezioni: atelier 9g ed interior 9g, la prima dedicata allo sviluppo di progetti e prodotti ad hoc, su misura per il cliente che ne fa richiesta, la seconda specializzata invece in interior design, sia per privati che per realtà commerciali.

co-fondatrice e caporedattrice

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
Tesori d’archivio: il Pandemic Graphics Archive raccoglie immagini della segnaletica pandemica