Foto di Chiara S Kurtovic

Walà lab, il cambio è fatto

Foto di Chiara S Kurtovic

Natale è alle porte e questo, almeno per me, prevede spostamenti e quindi la preparazione della valigia. Sono una ragazza atipica la mia valigia è piccolissima ma piena di tutto l’indispensabile e ogni cosa che porto con me è stata scelta perché comoda, pratica e multiuso. Sono sempre alla ricerca di capi che soddisfino queste esigenze ed è per questo che mi ha colpito il progetto walà lab.

Nel loro show-room di Roma al Pigneto ogni capo non è solo una giacca o una gonna, sono abiti polimorfi progettati per avere più funzioni (quindi portando con me solo un cambio in realtà ne avrò due e la mia valigia sarà più leggera!).
All’ingresso vengo accolta da Giorgia e Fiorenza le designer che, oltre ad essere simpatiche, mi raccontano la loro storia. Sono due designer, hanno studiato disegno industriale insieme e poi la passione per la moda e per la manualità le ha spinte a studiare i tessuti come materiali e progettare abiti come oggetti.

Foto di Chiara S Kurtovic

La funzionalità mi fa apprezzare il loro lavoro ma anche una passione in comune per l’arte.  Il loro show-room ha il valore doppio di galleria. Attualmente è stato decorato da Cancelletto, street artist romano, che ha realizzato per loro anche il disegno loro maglia/abito. Artista azzeccato a questo progetto perché da tempo lavora su quadri che possano essere acne reversibili. Le walà presto continueranno la collaborazione con altri artisti della vicina galleria lazlo-biro, presto tornerò a trovarle.

Altre storie
LenzuoLino: la riscoperta di un “nuovo” antico lino passa per un corredino da culla