fbpx

Sono anni che da queste pagine ed in privato ripeto che se avessi un’occasione speciale, se fossi una donna chic ed elegante che non si scompone mai, se fossi Miss Perfezione, se fossi vissuta negli anni ’30 o ’50, se non avessi questa gran massa di ricci ribelli userei il cappello. Tutti periodi ipotetici del terzo tipo, avete notato?

Già perché nella vita reale, questo è l’unico accessorio che per me costituisce un totale tabù. Si possono contare sulle dita di una sola mano le volte in cui ho indossato un cappello e del resto si possono contare sempre sulle dita della stessa mano i designer di cui vorrei indossare un cappello.

Yesey il brand di Dana Virginia Jauker è uno di questi. Per lo stile retrò che però non sconfina, come spesso accade, nel costume teatrale, per i bei colori, gli ottimi materiali e la realizzazione handmade.

Nella galleria, a sinistra alcuni dei modelli donna; a destra quelli da uomo.

co-fondatrice e caporedattrice

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
B-Switch: una collezione di streetwear ispirata alla Bolognina e realizzata da 35 studenti delle superiori