Alex Mattson | FW2012/13

Probabilmente non ti sarai mai chiesto quale avrebbe potuto essere il punto d’unione ideale tra Mad Max, i Guerrieri della Notte e Cursore (quella sorta di diamantino scintillante davvero pessimo a livello di effetti speciali che pur senza dire mai un parola recitava di gran lunga meglio del suo leccato co-protagonista sul grandissimo telefilm anni ’80 Automan). Sì perché se ogni prodotto culturale non è che un filo che nasce da qualche parte, quasi sempre dall’intreccio di altri fili che partono da lontano e s’intricano come neanche un paio di cuffiette da iPod messe in tasca, allora quelli dei tre succitati film/telefilm, dopo trent’anni di gira, tendi, allenta, passa di qua, passa di là, vanno ad unirsi nella collezione autunno/inverno del giovane fashion designer tedesco Alex Mattson, diplomatosi appena tre anni fa al Royal College of Art di Londra e da allora rimasto nella capitale inglese a creare retro-futuristici capi per guerrieri urbani post-atomici che tengono nel taschino onnipotenti poliedri che creano oggetti dal nulla con potentissimi shwoosh.

co-fondatore e direttore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
Laju Slow Apparel: un nuovo marchio che è un inno alla lentezza