Pitti vs. Tokyo | Blackmeans

E già t’immagini legioni di giappo-punkettoni barcollare in parcheggi sotterranei sotto il peso di chiodi borchiati, toppati, spillati, aerografati, ennesima ed eterna ri-rappresentazione delle sottoculture occidentali che va oltre l’omaggio e l’imitazione ma si spinge verso i territori della voracità culturale – aiutata da un metabolismo rapido come quello di un diciassettenne davanti a un trogolo di maccheroncini al fumè – e finisce quasi sempre per superare a destra l’originale.
Nel caso del punk, loro hanno saputo contaminarlo a tal punto da renderlo paradossalmente ancora più puro. Sicuramente più vivo del nostro. E già negli anni ’80 sperimentavano fusioni con la cultura cyber (prima di Tetsuo: guardati Burst City di Sogo Ishii, una specie di Derek Jarman giapponese).

Ed è proprio in quel marasma di spilloni, mondi post-atomici, bikers allucinati e bands con nomi come The Stalins, The SS, Friction, che va a pescare l’immaginario di Blackmeans, marchio fondato nel 2008 da Yujiro Komatsu, gran personaggio che ti consiglio di vedere/ascoltare nel video qua sotto, nel quale racconta la collezione FW2011.

photos Simone Sbarbati

co-fondatore e direttore
Mostra Commenti (0)

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un messaggio

Frizzifrizzi è sempre stato e sempre rimarrà gratuito. Si tratta di un progetto realizzato ogni giorno con amore e con impegno. La volontà è di continuare a farlo cercando di tenere al minimo la pubblicità. Per questo ti chiediamo una mano — se vorrai — con una piccola donazione. Potrai farla su PayPal.

GRAZIE DI CUORE.