Save the date | Food Mood

Da quando non si mangia più con le mani (o meglio: da quando non si mangia più ogni cosa con le mani) per i designers la tavola da pranzo è un tavolo da lavoro come un altro – la differenza è che su questo se magna e la scelta dei colori, dei materiali, delle textures influisce anche sul gusto, sulle modalità di assunzione del cibo, sulla convivialità di un pasto, ad esempio formalizzando, estetizzando o, al contrario, rendendo giocosa l’atmosfera di una cena, oppure estetizzandone talmente i contenuti (il cibo, la compagnia) da trasferire il piacere dalla bocca agli occhi.

Quello del food design è un mondo complesso – c’è di mezzo la vita, l’arte, il territorio, la scoperta, l’altro da sé, persino il sesso – e da esplorare dunque con sguardo totale, abbracciandone ogni sfumatura, considerando ogni punto di vista.
Ed è proprio quello che provano a fare i livornesi dello studio di architettura 70m2 che per tutto il mese di dicembre organizza una full immersion su cibo e design a tavola con Food Mood, mostra dedicata di “accessori per la tavola” realizzati da giovani designers, in un’ambientazione creata (ri)utilizzando materiali legati all’industria alimentare ed in una cornice di suggestioni – ovviamente a tema cibo – provenienti dalla fotografia, dal cinema, dalla musica e dalla letteratura, oltre ad aperitivi e laboratori per grandi e piccoli.
Prepara la forchetta (ma apri anche gli occhi, spalanca le orecchie, allena i polpastrelli e libera il naso).

QUANDO: 3 – 22 dicembre 2011
DOVE: 70m2 | via Poggiali 10, Livorno | mappa
PROGRAMMA: 6 – 13 dicembre | 17,00 | Stasera apparecchio io (lab. per bambini)
14 dicembre | 17,00 | Visual food (lab. per adulti)
15 dicembre | 17,00 | Il pittore fa la spesa (lab. per bambini)
16 dicembre | 19,00 | Bianco free or pay
19 dicembre | 17,00 | L’arte nell’orto (lab. per bambini)

designer: Carlo Trevisani
designer: Zo-Loft
designer: Gumdesign
designer: Kare Frandsen
designer: Maezm
co-fondatore e direttore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
Timescape: un diverso modo di considerare il tempo nel progetto universitario di Chiara Facchini