Tested | FlowerTag by Kenzo

Patrick Guedj, da dieci anni direttore creativo di Kenzo profumi, dice che con Flower Tag ha voluto ancora una volta raccontare la storia di un “fiore in città”, ma in un modo più giovane, eccentrico, urbano ed in un certo senso perfino più sovversivo. Per questo ha deciso di chiamarlo Tag che è appunto quanto di più “urbano” ci possa essere.

L’ispirazione parte, e lo racconta bene la campagna pubblicitaria, dall’idea di taggare i muri delle nostre città con il papavero rosso, che è stato per dieci anni simbolo di Flower by Kenzo. Una continuazione logica ed allo stesso tempo il modo per aprirsi ad un universo più eccentrico e creativo.
I graffiti, le tag sono – se fatti con amore – una vera e propria forma d’arte, che Patrick Guedj ha deciso di rendere più femminili e sensuali.

Flower Tag è un profumo piacevole floreale, fruttato e fresco, ideato per giovani donne forti e dinamiche.
Si apre con le note di ribes, mandarino e rabarbaro, che danno freschezza ed energia. Il cuore è femminile e floreale, con accordi di peonia, gelsomino e mughetto. La base è composta da note di tè, muschio e vaniglia.
Bottiglia e scatola sono colorate in rosso e decorati con le tag dei papaveri.

co-fondatrice e caporedattrice

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
Laju Slow Apparel: un nuovo marchio che è un inno alla lentezza