Profumeria Artistica | La Petite Mort, un orgasmo di profumo

Se vi siete mai chiesti che differenza c’è tra la profumeria artistica è quella commerciale, la risposta è semplice.
La prima è anticonvenzionale, preferisce la sostanza all’apparenza quindi investe nella qualità delle materie prime anziché nell’advertising, non gliene importa niente di piacere a tutti e spesso si concede il lusso di presentare profumi antipatici, disarmonici e amari, dal contenuto scioccante.
Per questo si definisce anche profumeria di nicchia cioè pensata per persone dotate di un naso coraggioso, intenzionate a infrangere le convenzioni sensoriali del “buono, quindi bello”.



La Petite Mort
è un profumo di nicchia, ma non fatevi ingannare dal suo nome un po’ macabro, non è velenoso.
Chi ha un po’ di dimestichezza con il lessico erotico saprà che i francesi per “petite mort” (trad. piccola morte) intendono il climax raggiunto in una notte di passione, detto in una sola parola: l’orgasmo.
I creatori Marc Atlan, art director franco-americano, Bertrand Duchaufour, naso di fama internazionale definito dalla community del profumo “the new pope of niche fragrances”, e Kilian Hennessy, creatore del luxury brand By Kilian e nipote del fondatore del gruppo LVMH, lo definiscono un orgasmo di profumo.
Non aspettatevi fiorellini, nuvolette rosa, cuoricini e scene passionali da romanzo Harmony, il jus de La Petite Mort sa di sesso, sudore, respiro affannoso e secrezioni fisiologiche.

Penserete all’ennesima trovata di marketing. Sbagliato.
La particolarità di questa fragranza è il suo tentativo utopico di fissare un momento effimero di pura estasi. La Petite Mort è una bomba olfattiva dalla carnalità animale che esplode con sentori di sudore salato, urea e pelle accaldata, disorientante e illusionista grazie ad una piramide olfattiva piena di note metalliche e molecole di sintesi come il Sulfurol che evoca il latte caldo, un profumo percepito dal cervello umano come la cosa più vicina all’odore della pelle.
Un profumo difficile, non alla portata di tutti, per questo è stato prodotto in soli 100 pezzi.
Un profumo di nicchia, appunto!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
Le Cartoline Gioiello nate dalla collaborazione tra la designer Giulia Tamburini e il disegnatore Ettore Tripodi