COVHERlab | Morse-Code-Signals SS2012

Fin dal primo incontro virtuale (di persona non ci siamo mai visti) con Marco Grisolia, designer di COVHERlab, quello che mi stupì maggiormente fu la dicotomia tra la sua asciuttezza, Marco è un uomo molto parsimonioso con le parole, e la profusione di parole e citazioni dotte dei suoi comunicati. Per me Marco è ermetico, i suoi comunicati barocchi.
Lo so a voi tutto questo non interessa, quello che volete sapere è come è la sua collezione SS2012.

Una luce abbagliante ed eterea avvolge l’intera collezione. Questa luce si scompone in bianco opale, light grey, grigio balena, rosa salino, blue inchiostro, fango, corallo e turchese.
E la rende impalpabile negli strati di organza tripla, nel burette, nell’anvers di satine, nella seta, nei tessuti tecnici seta-acciaio, nel lino bianco ed écru, frantumato, e lavorato a guscio d’uovo incrinato grazie a moduli geometrici di tessuto.

La luce scomposta in uno specchio d’acqua, quella filtrata attraverso l’opera diafana di Caroline Broadhead con i colori e le suggestioni della fotografia di Tomohide Ikeya, concorrono a strutturare l’ispirazione di “Morse Code Signals” nelle sue molteplici sfaccettature.

co-fondatrice e caporedattrice

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
Laju Slow Apparel: un nuovo marchio che è un inno alla lentezza