7 opere e 7 domande, alle 7 di mattina, ad illustratori che si svegliano presto o non sono ancora andati a dormire.
Oggi è la volta di Giada Ganassin.

Ciao Giada, di dove sei, quanti anni hai e da quanto fai l’illustratrice?
Ciao! Sono nata a Ivrea ventidue anni e mezzo fa e disegno da circa tre anni.

Matita o penna grafica (che materiali usi per il tuo lavoro)?
Uso per lo più matita, talvolta penna o pennarelli, mi sembra lo strumento più facile per fissare al volo un’idea, ma mi piacerebbe iniziare a lavorare anche con penna e tavoletta grafica.

Cosa fai quando non disegni?
Non salto mai la colazione, frequento il terzo anno del Politecnico di Torino, passeggio, da qualche tempo corro, osservo la gente, faccio tante domande e mi guardo allo specchio.

Cosa c’è sulla tua scrivania?
Disordine.

Un disegno pesa quanto…
La parola sulla punta della lingua che poi ti viene anche in mente.

Un libro di cui vorresti illustrare la copertina e un film di cui vorresti fare il poster.
Mi piacerebbe illustrare la copertina di un racconto di Raymond Carver e per la locandina il film “Hong Kong Express” di Wong Kar-wai.

Un illustratore o un’illustratrice che mi consiglieresti?
Dalle cose che vedo mi piace molto come ragiona Giacomo Bagnara, anche se non lo conosco di persona.