Partecipa al Booktober. Dal 1º al 31 ottobre.

L’inno nazionale di Diesel Island

Nel caso stiate pensando già di trasferirvi sulla Diesel Island, è il caso di imparare prima l’inno nazionale.
Non che facciano dei test, lì (e comunque l’eventuale questionario per appurare che sei uno stupido non sarebbe così difficile da superare: 2 parlamentari italiani su 3 possono spiegarti come fare).

Nella lista di nazioni “fottute” elencate dall’Inno, all’Italia non è andata poi così male: c’è troppa pasta, dicono.
Si sarebbe potuto dire di molto peggio per far rima con il “troppi rasta” del rigo successivo… tipo “pederasta”.
E ora, tutti in coro:

This is the land of the Stupid,
This is the land of the Brave.
And our hearts rejoice to know
we are the least fucked up country of all.

Japan, they work too hard,
Nigeria is too corrupt,
Greece has gone bankrupt,
We are the least fucked up country of all.

The French are a little bit arsey,
While Australia’s too laid back,
It’s too hot in Ecuador,
We are the least fucked up country of all.

Italy too much pasta,
Jamaica too much rasta,
Sweden is way too cold,
We are the least fucked up country of all.

China is overpopulated,
Junk food in the USA,
Venezuela may start a war,
We are the least fucked up country of all.

Diesel Island, Diesel Island…
The place the Stupid and the Brave
call home.

co-fondatore e direttore
Mostra Commenti (0)

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un messaggio

Frizzifrizzi è sempre stato e sempre rimarrà gratuito. Si tratta di un progetto realizzato ogni giorno con amore e con impegno. La volontà è di continuare a farlo cercando di tenere al minimo la pubblicità. Per questo ti chiediamo una mano — se vorrai — con una piccola donazione. Potrai farla su PayPal.

GRAZIE DI CUORE.