Sto facendo una lista. E non c’entra la politica (anche se Lista Sbarbati – magari mettendo insieme un manipolo di barbudos nerd – mi suona bene). Sto facendo una lista, sue due colonne belle ordinate, di magazines che vorrei rimanessero sempre su carta e di quelli che invece mi auguro di vedere passare, il prima possibile in digitale, abbandonando del tutto il supporto cartaceo. Limitiamo gli sprechi. Abbassiamo i prezzi.
La carta pesa, i bit no. Rimanga su carta solo quello che ha peso: l’eccellenza, l’approfondimento.

Klat, nella mia lista, sta nella colonna dei salvi. Ancora carta per Klat, please.
Un magazine di sole interviste – e che interviste! – merita inchiostro, dev’essere tattile, devi poterlo mettere in libreria.

Molto saggiamente, però, quelli di Klat hanno deciso di diversificare l’offerta. E oltre alla possibilità di scaricare versioni digitali del magazine – per pc/mac ed iPad – grazie a Zinio, con l’uscita del quarto numero arriva anche il blog. O meglio, un aggregatore di blogs tenuti da designers, artisti ed architetti.
E la rotta tracciata da Klat Magazine la puoi seguire anche online nelle sue mille, rapide, diramazioni.

Dopo il salto una preview dell’ultimo numero!

Altre storie
I tarocchi di Luca Ledda