Chicken & Broccoli Homeworks: Intro

Mi presento. Sono un pollo. E sono anche un broccolo. Sono un PolloBroccolo. Chicken & Broccoli. Adesso alcuni di voi staranno pensando: “ma che ca**o di nome” (ehi, state su un sito che si chiama “Frizzifrizzi”. no dico). Chicken&Broccoli è un blog, il che già fa abbastanza spavento di per sé. C&B è un blog che parla di cinema (con una certa predilizione per film di genere, dagli horror alla fantascienza, non disdegnando animazione, serial TV e cinema off… Se siete alla ricerca di film romantici, pussa via), e lo fa senza peli sulla lingua, e se ce l’ha, non sono i suoi. Il gestore di ChickenBroccoli – che preferisce rimanere anonimo più che altro perché teme rappresaglie violente dagli Studios e dalle guardie del corpo delle star che immancabilmente maltratta – ha una brutta malattia: si chiama BULIMIA CINEMATOGRAFICA. I sintomi sono palesi: stare fermi il più possibile con davanti uno schermo e guardare incessantemente film. Per poi recensirli, più che altro male, nel suo blog. Il brutto di questa malattia è che si cura in un solo modo: guardando film. Ah, c’è anche un altro sintomo: parlare in terza persona di sè stessi.

I tipi di FrizziFrizzi, pazzi ragazzi veloci come razzi (no, non cederò all’ultima becera rima) mi hanno chiesto di contribuire al loro sito stracool, parlando ovviamente di cINEMA (con o senza la C maiuscola), ovviamente come farebbe e farà C&B. E io ho risposto: «Quanto mi pagate?» – e loro hanno detto : «NIENTE!» – e solo allora ho detto: «CI STO!».

Quello che C&B farà per i lettori di Frizzi(x2) è di darvi i compiti. Io sono il professore e voi gli alunni. Io vi consiglierò un film ogni settimana (da me visti il mese precedente e di cui ho capito tante cose che a voi sono sfuggite e sfuggiranno), non tenendo minimamente conto di date d’uscita, nazionalità, registi, generi, e vi dirò, usando paroloni incomprensibili e non stando attento ai regusi, i perché e i percome dovreste sentirvi in difetto nei confronti della vita se non avete visto questi film. Insomma, un rapporto alla pari.

Alcune avvertenze:

• è probabile che alcuni film dati per compito saranno in inglese, ma il magico mondo di Internet nasconde anche dei file chiamati “sottotitoli”. Inoltre presuppongo che voi siate di quelli che sui propri CV scrivono puttanate tipo: vive tra Roma e New York (dove a Roma ci passate 11mesi e a NY vi siete due 2 settimane di vacanza), quindi insomma, che mastichiate l’inglese come faceva quel cattivo di 007 coi denti d’argento.

• non vi dirò mai dove abbiamo reperito i film in questione. Diciamo solo che mi potete immaginare come un saggio tibetano con una piccola canna da pesca telematica seduto sulle rive di un Torrente, e aspetto i cadaveri dei film passare. Se volete, potete sedervi accanto a me, basta che state zitti quando comincia il film.

• se fa pe’ scherzà!