La lavagnetta che ha bisogno di una ceretta

Confesso il mio feticcio per lavagne e lavagnette: magnetiche, di sughero, a gessetti o pennarelli.
Mi piace l’oggetto in sé. Le sua potenzialità: scrivere, appiccicare, appuntare, fare mini-caos di ispirazioni, usarle per appendere le chiavi di casa, per scriverci la lista della spesa, per segnare i punti a carte, per mettere bene in evidenza le bollette sperando che qualcuno se ne accorga e le paghi.
Tutte cose che, quando entra in casa una nuova lavagna, faccio per qualche settimana, mese al massimo. Poi l’ultimo appunto, disegno, bolletta, diventano piccoli reperti da consegnare al future me, quando arriverà il nuovo momento di lavagn-fascinazione.

Però. Però una lavagna pelosa come questa so già che non l’abbandonerei mai.
Mai, dico.

[via]
co-fondatore e direttore
Mostra Commenti (4)
  1. anch'io sono tipa da LAVAGNA ADDICTED..le lavagnette sono oggetti magici!e questa è semplicemente fantastica, così com'è sembra uscita da una fiaba di lupi e panieri con focacce x la nonna! la vorrei in camera, insieme a quella con i gessetti e a quella di sughero che campeggiano già sul mio muro!..così come la vernice-che-trasforma-i-muri-in-lavagne.. très jolie!!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un messaggio

Frizzifrizzi è sempre stato e sempre rimarrà gratuito. Si tratta di un progetto realizzato ogni giorno con amore e con impegno. La volontà è di continuare a farlo cercando di tenere al minimo la pubblicità. Per questo ti chiediamo una mano — se vorrai — con una piccola donazione. Potrai farla su PayPal.

GRAZIE DI CUORE.