Pitti: Cor Sine Labe Doli

Se durante la scorsa edizione del Pitti mi innamorai perdutamente dei papillon in ceramica di Cor Sine Labe Doli, stavolta quasi svengo davanti a cravatte e cravattini, ovvero l’ultima fatica (o labor, che dir si voglia) del dandyssimo trio che ha lanciato il marchio.

La collezione, intitolata Bambino (l’ispirazione nasce dalla grandissima Dalida!), fa uso di quello che è ormai il loro marchio di fabbrica: la ceramica. Utilizzata, oltre che per i papillon – ora in tantissime nuove varianti – anche per i nodi delle cravatte.

Nodi e lance – tutte in seta – sono intercambiabili quindi le combinazioni possibili sono davvero molte. E oltretutto sono anche a prova di imbecille (o di bambino!), visto che non c’è bisogno di saper fare il nodo.

Dopo il salto, oltre alle foto scattate dal vivo, l’intera serie di cravatte, cravattini e papillon.

[nggallery id=153]
co-fondatore e direttore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
Le Cartoline Gioiello nate dalla collaborazione tra la designer Giulia Tamburini e il disegnatore Ettore Tripodi