Distorsioni della realtà, percezioni scomposte, visuali piacevolmente scomode. Non è un modo per infierire, assolutamente. Sono le sperimentazioni grafiche di Terapin che lasciano scomodamente soddisfatti.

Cos’è? due donne che si accostano l’una all’altra per un’esperienza saffica? Un candelabro con dei punti di rosso? Una mano sanguinante? Oppure una, poco didascalica, visione di “the period” femminile bloccato da un arto stilizzato quasi fosse una protesta che sembra dire Stop! Basta! ai flussi fisiologici?

Magari niente di tutto ciò… o forse tutto. Un po’ libera interpretazione, un po’ giochi di sovrapposizioni black&white, un po’ percorsi di bande colorate che creano forme, visi. Diverse angolature per guardare cose che tutti i giorni abbiamo sotto gli occhi.

Per questo trio di ragazzi made in italy comunicare con la t-shirt sensazioni e nuove visioni è una passione. Perché, come postmoderno vuole, tutto è rinsaccato in un grande calderone dal quale si può prendere ispirazione e attraverso il quale si possono creare nuovi mondi e nuove esperienze bidimensionali da indossare.

Vi aspettano tutti con ansia il 19 Maggio presso il Blam in via Ronzoni 2 a Milano per raccontarvi il loro progetto in un party che, finalmente, non ha l’esclusività della “crew” fashion della milano della moda!

[nggallery id=137]

Altre storie
Il tempo sospeso: da Librimmaginari una mostra collettiva di poster negli spazi urbani di Viterbo