Prodigy Powercell di Helena Rubinstein

Quando ci propongono di provare qualche prodotto anti-age tutta la redazione di Frizzifrizzi, si volta virtualmente verso di me… Sono la più vecchia quindi anagraficamente la più adatta!
Ecco l’onore e l’onere di testare Prodigy Powercell di Helena Rubinstein è “toccato” a me.

Devo dire che da sempre mi diverte molto provare creme e cremine, non fraintendetemi io faccio un’attenta selezione in base alla casa produttrice, all’odore , alla consistenza del prodotto ed a moltissime altre cose ancora, ma se passa tutti questi vagli l’idea di provare un nuovo prodotto mi piace molto. Il più delle volte se non me lo avessero mandato, lo avrei comprato!

Prodigy Powercell è distribuito in un flacone di vetro verde, una bottiglia con un dispenser a pompetta. Devo dire che per la sottoscritta – molto maldestra – non è proprio comodissimo.
E’ un siero evanescente con un texture cremosa e morbida, che asciuga molto rapidamente. Già il colore della bottiglia e l’odore del prodotto ti fanno sentire più energica e vitale. Dopo l’applicazione si ha un’immediata sensazione di freschezza. L’odore mette buon umore.

Può essere applicato mattina e sera, sia da solo sia prima degli abituali trattamenti idratanti. Io lo uso da 15 giorni circa, di mattina prima della crema idratante abituale e la sensazione già dalle prime applicazione era di una pelle più luminosa e tonica.

Grazie ad un esclusivo processo biotecnologico i laboratori Helena Rubinstein hanno utilizzato cellule madri (ovvero cellule in grado di rinnovarsi attraverso la mitosi cellulare, differenziandosi in vari tipi di cellule specializzate) contenute nella pianta Criste Ocèanique. Questa pianta ha sviluppato nel corso dei millenni un’incredibile capacità di sopravvivenza ed adattamento, i laboratori Rubinstein ne hanno isolato la quintessenza, lasciando che le cellule madri agiscano direttamente sui tre principali meccanismi anti età: rigenerazione cellulare, riparazione dei tessuti e difesa contro i radicali liberi.

co-fondatrice e caporedattrice
  1. Convincente (anche per me che sui cosmetici sono "difficile")!

    E se i prodotti che vi arrivano da testare fossero troppi… io mi candido per darvi una mano! Prometto recensioni veritiere ed esaustive!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
LenzuoLino: la riscoperta di un “nuovo” antico lino passa per un corredino da culla