Cosmoprof: le unghie di Saruman

Gironzolando tra gli stand del Cosmoprof abbiamo visto cose che voi umani non potreste immaginare e che forse non dovreste neanche vedere… potreste spaventarvi o peggio ancora decidere di emularle.

Ho deciso di assumermi il rischio e mostrarvele lo stesso, perché voglio che sappiate ciò che a nostro parere, e parlo di tutti noi di Frizzifrizzi all’unanimità, non dovreste mai fare.
Sono orrende, antigieniche, scomode, pericolose e rovinano le unghie vere.

Per un vero manicure leggetevi, domani, il racconto della fantastica ed invidiabile esperienza di Ethel!

co-fondatrice e caporedattrice
    1. Primo appuntamento: ti arriva una così. Che fai?
      1- Scappi
      2- Ordini decine di caffè chiedendole di usare le unghie al posto del cucchiaino (poi i caffè non li bevi ma giri un documentario sul posto, con il cellulare)
      3- Ne trovi un'altra uguale e cerchi di organizzare un combattimento nell'atrio di un centro commerciale.

  1. A Shanghai questo genere di cosa spopola. Sospetto che come le unghie lunghe per l'uomo (qui ancora molto in voga in ampi strati della società) si tratti di un espediente per mostrare che non si ha bisogno di svolgere lavoro manuale per vivere. In verità certe manicure estreme sono palesemente incompatibili con qualsiasi lavoro che implichi anche solo l'utilizzo di una tastiera. Qui vanno molto le applicazioni 3d e uno dei temi caldi è hello kitty (ci sono interi negozi di abiti da sposa targati hello kitty a proposito).

    vogliate gradire l'omaggio di questa foto trovata in rete

  2. mentre scattavo le foto al cosmoprof, avevo la faccia (nascosta dall'obbiettivo), inorridita!!!!

    Neanche la matrigna cattiva-strega di Biancaneve le aveva così…

    NON EMULARE, PLEASE!!!

  3. Mah, io dico che non sono male. Certo, non esagerate come nella 4 foto, ma per esempio quelle dell'ultima sono carine. Poi sarà forse che in Russia tutte le ragazze/donne le hanno, ed andandoci ogni anno una o più volte, mi sono abituata..

  4. Io (da 45enne) ho imparato la cura delle mani con i metodi classici. Da quando le porto lunghe (circa 2 cm medi di sporgenza, anni fa molto appuntite, ora leggermente più squadrate dato che appuntite si rovinano anche i vestiti e i guanti si bucavano anche se di pelle) cioè dall'età di 13 anni, dal 1980 (mai tagliate, tranne che per un intervento chirurgico e per la gravidanza di mio figlio) ho quasi sempre usato smalti di varie tonalità di rosso, sino alle gradazioni più scure, occasionalmente il nero, il verde…. qualche decorazione. Le unghie di Saruman sono belle ma improponibili nella vita quotidiana. Del resto, anche io, nelle mie prime occupazioni (metà anni '80 i computer erano ancora poco diffusi e le macchine da scrivere elettroniche e meccaniche ti decapitavano nei colloqui di lavoro "si tagli le unghie… così lunghe non vanno bene"… poi me ne fregavo e riuscivo comunque a dattilografare… poi con l'arrivo delle tastiere il problema non esiste +. Meglio la manicure fatta da soli (nei limiti del possibile). Mio marito le adora… mio figlio le odia… ma io le lascio lunghe come mi piace a me.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
Tesori d’archivio: le illustrazioni di moda di fine ‘800 / inizio ‘900