Risotto al porro con funghi marinati alle erbe e pecorino sardo

INGREDIENTI (per 4 porzioni):
• 500 gr di riso Arborio o Carnaroli
• la parte verde di un grande porro
• 15-20 funghi, io ho usato champignon
• 4 cucchiaini da te di spezie tagliate molto sottili. Io ho usato, rosmarino, timo, menta e lavanda, ma voi potete variarle
• 1 limone
• formaggio italiano. Io ho usato pecorino sardo stagionato, ma voi potete usare anche Parmigiano o Grana
• 2 litri di brodo di gallina o brodo vegetale
• olio extra vergine di oliva

PROCEDIMENTO:
Iniziate dai funghi: puliteli, tagliateli a fettine sottili e friggeteli in olio di oliva finché non saranno dorati. Metteteli a marinare in una ciotola con le erbe, la scorza del limone grattugiato ed il succo di limone. Aggiungete il sale e mescolate bene, lasciate marinare per almeno 30 minuti (che più o meno è il tempo necessario per fare il risotto). Se serve aggiungete dell’olio d’oliva.

Tagliate il porro in modo sottile e fatelo soffriggere per un paio di minuti in olio d’oliva di buona qualità. Se non ne avete uno molto buono, usate il burro perché un olio non adatto potrebbe distruggere il sapore del riso. Aggiungete il riso e fatelo mantecare per un paio di minuti.

Iniziate ad aggiungere la prima mestolata di brodo e fate cuocere , mescolando continuamente finché il brodo non sarà del tutto consumato, aggiungete via via il brodo un mestolo alla volta.
Continuate così finché il riso non sarà cotto, cremoso ma non liquefatto.

Quando il risotto è pronto aggiungete il formaggio scelto grattugiato. Più forte è il sapore del formaggio scelto più vi consiglio di metterne poco, ma usate le vostre papille gustative.
Servitelo con sopra i funghi sgocciolati e scaglie di pecorino.

contributor

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
Scarti d’Italia: un viaggio in cerca di frattaglie nell’Italia dei saperi e dei sapori