Frizzi-gift: and the winner is…

Per vincere la collana collana della linea “Bon bon” intitolata “da domani mi metto a dieta”, realizzata a mano, in plastica ed argento 925 da Valentina ovvero La piccola Kreativa, vi avevamo chiesto di descrivere nei commenti quella che per voi è l’apoteosi del cibo spazzatura.

Vi siete sbizzarriti con le risposte, al punto che in questo momento (domenica mattina, ore 9.00) faccio una gran fatica a leggere i vostri commenti per scegliere il vincitore.
Con lo stomaco sottosopra decido: a portarsi a casa il premio sarà Maurizia.
Ecco la sua ricetta, che vale la pena di essere pubblicata. E chissà che la nostra Ilva non decida di cimentarsi nella preparazione e di fotografarla…

INVOLTINI DI BOUNTY E TRIPPA IN SALSA JUNK

Prendere due pezzi di bounty (una confezione) e spezzettarli in un etto di trippa al pomodoro, avvolgerli delicatamente con una frittata di cipolle, bacon, gorgonzola e mostarda romagnola che avrete preparato il giorno prima e lasciata freddare. Fissare il tutto con due stuzzicadenti. Avvolgere l’involtino in due fette sottili di mortadella coi pistacchi, facendo attenzione ad utilizzare gli stuzzicadenti già inseriti per fissarla. Infarinare quindi gli involtini, passarli nei tuorli d’uovo sbattuti con grana padano e pecorino romano in parti uguali, ripassarli nella farina e friggerli in lardo aromatizzato al pepe fino a doratura.
A lato, fare sciogliere 3 ovetti kinder a bagnomaria, aggiungervi senape dolce, ketchup, farina di cocco e salsa di soia. Incorporarvi gli albumi delle uova usate per la pastella facendo attenzione a compiere movimenti regolari dall’alto al basso. Regolare di sale.
Impiattare gli involtini ancora caldi, versargli sopra la salsa junk e un trito di nocciole, rosmarino e fonzies.
Accompagnare con del limoncello caldo, amaro averna o vodka al melone.

Ovviamente, questa è una ricetta di fantasia. Per un piatto mangiato dalla sottoscritta nella realtà cito l’hamburger di un amico australiano, con cipolla, uovo fritto, salsa worchester, bacon, lattuga, ketchup, pomodoro e senape.

Chi non ha vinto potrà rifarsi domani, tentando la sorte con un altro dei nostri frizzi-gift.

co-fondatrice e caporedattrice
Mostra Commenti (1)
  1. Che dire… GRAZIE, GREAZIE GRAZIE! Sono molto orgogliosa e grata per essere stata selezionata come la schifezza migliore tra tante schifezze. Da amante del cibo (quello buono) mi gonfio di orgoglio. E vi manderò una foto con la collana!

    Baci

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un messaggio

Frizzifrizzi è sempre stato e sempre rimarrà gratuito. Si tratta di un progetto realizzato ogni giorno con amore e con impegno. La volontà è di continuare a farlo cercando di tenere al minimo la pubblicità. Per questo ti chiediamo una mano — se vorrai — con una piccola donazione. Potrai farla su PayPal.

GRAZIE DI CUORE.