White is out, green is in: anteprima Maison Martin Margiela Ligne 3 (untitled)

Quando il 4 di gennaio nella mia mail box ho trovato un messaggio intitolato ‘Vuoi andare a Parigi?’ stavo giusto per cancellarlo, pensando che si trattasse della solita pubblicità. Chi avrebbe mai detto che esattamente una settimana dopo mi sarei ritrovata sul volo diretto proprio per la capitale francese? Ovviamente sono partita senza nessun esitazione o ripensamento – alla fine chi avrebbe mai detto di no a Martin Margiela? In questo modo sono entrata a far parte della ristretta cerchia di 10 blogger di tutto il mondo invitati alla presentazione del primo profumo della Maison – Linea 3.

La nuova fragranza è il risultato della lunga collaborazione dello stilista con gli esperti della L’Oréal. Niente compromessi, niente focus groups, niente soluzioni facili – erano solo alcune tra le condizioni poste da Margiela che con questo progetto ha concluso il suo rapporto con la moda. Un motivo in più per guardare attentamente la sua ultima creazione.

Ma da dove iniziare? Dal nome – Untitled? Dal flacone in vetro grezzo disegnato da Fabien Baron? O dai componenti dell’essenza ispirati alle fragranze dimenticate degli anni ‘70? Ogni elemento è fortemente ancorato nella tradizione di Margiela e trasmette i valori per lui importanti come semplicità, connotazione artigianale, pragmatismo. Forse quella che sorprende di più è la tonalità verde del profumo stesso, data dall’uso combinato dei vari ingredienti (tra cui galbano, buxus, mastice di Chio, incenso, arance amare), tutti rigorosamente naturali. Il risultato finale, più che una femminilità banale e sdolcinata, interpreta una visione neutrale e raffinata, quasi unisex, pur non perdendo nulla della sua sensualità.

Ma ritorniamo a Parigi, dove ha avuto luogo quest’evento unico. La presentazione si è svolta all’interno della sede principale della Maison. Trovarla è stato fin troppo facile – un chioschetto pieno di fiori bianchi davanti all’entrata era un indizio inconfondibile. L’ambiente e il personale – entrambi avvolti in tessuto bianco – hanno contribuito a creare un’atmosfera concettuale e ricercata. La visita nello show room, con alcuni capi della collezione Artisanal a portata di mano, era proprio la ciliegina sulla torta. Insomma, è stata un’esperienza intensa,  ricca di stimoli e piena d’emozioni. Proprio come il profumo stesso.

Untitled sarà disponibile in selezionati punti vendita, tra cui Colette, a partire dal 25 gennaio.

Altre storie
Le Cartoline Gioiello nate dalla collaborazione tra la designer Giulia Tamburini e il disegnatore Ettore Tripodi