Swoon and the Swimming Cities of Serenissima

Swimming Cities of Serenissima

AAA mecenate cercasi… non sto scherzando.

Swoon artista americana, le cui opere sono esposte al MoMA di New York, alla Tate Modern, al Brooklyn Museum e al PS1, per finanziare il suo progetto Swimming Cities of Serenissima ha messo in vendita i suoi lavori e ci ha chiesto di aiutarla. Chi volesse contribuire alla causa può acquistare le opere on line su: The Black Rat Press, Deitch, Paper Monster. Per maggiori informazioni può scrivere a [email protected].

Vi spiego meglio, scommetto che non ci avete capito niente. Detto tra noi anche io ci ho messo un po’ a capire e non perché la mail di segnalazione era scritta in inglese!

Il progetto Swimming Cities è iniziato qualche anno fa ed ha ricevuto molta attenzione mediatica compresa una copertina sul New York Times nella sezione Arte.
In pratica si tratta di una flotta di zattere, una enorme installazione mobile, che in passato ha navigato lungo il fiume Hudson da Troy a New York (Swimming Cities of Switchback Sea).

Costruite con materiali recuperati dalle numerose demolizioni edilizie nell’area di New York e mosse da motori che utilizzano solo bio-combustibili, le zattere di Swoon sono monumenti alle iniziative ecologiche, al riciclo ed al riutilizzo.

Quest’anno i progetti di Swoon sono molto più ambiziosi – tirando la cinghia, senza finanziamenti esterni – vuole portare le sue zattere a solcare l’Adriatico dalla Slovenia a Venezia. L’obiettivo è quello di riuscire ad arrivare, con questa flotta di vascelli fatti a mano, nel capoluogo veneto in tempo per la Biennale. Queste zattere-scultura porteranno con loro: musica, performances ed un “armadio” pieno di meraviglie messe insieme durante il viaggio.

Swimming Cities of Serenissima

Vuole essere un tentativo di portare speranza in mezzo ad un diffuso senso d’ansia, in mezzo a questo consumistico modo di vivere che ci ha portato al potenziale collasso economico. Una coraggiosa ed audace affermazione che non è troppo tardi, che è ancora possibile cambiare, trovare una nuova via una nuova speranza, utilizzando ciò che abbiamo già a nostra disposizione.

Al momento sono già pronte due zattere, la terza è in lavorazione, ed è stato impegnato un equipaggio di 35 persone, tra artisti e performers, attivisti, meccanici “fatti in casa” che lavorano perché tutto questo diventi possibile.

Del progetto Swoon dice “Ho sempre sentito che queste imbarcazioni sono espressione di gioia e meraviglia, pur essendo allo stesso tempo una mappa dell’ansia di questi  tempi. Stiamo facendo un’armadio di meraviglie raccogliendo e collezionando ciò che troviamo lungo il nostro percorso: semi, ossa, fiori, storie, ogni genere di cose. Questo impulso viene dalla volontà di osservare, raccogliere e scambiare le cose belle nel mondo che ci circonda, ma c’è anche un impulso di conservazione per queste cose. Impacchettare l’intera vita in un paio di zattere fatte a mano e prendere il largo, perché il modo in cui stiamo vivendo sta distruggendo il mondo attorno a noi e non può continuare. Queste barche non devono essere prese come una soluzione letterale-reale, ma nel modo in cui l’arte distilla un linguaggio dalla nostra immaginazione e crea immagini che ci parlano sopra e sotto il livello delle lingue parlate. Noi rilanciamo i problemi a nostro modo.”

co-fondatrice e caporedattrice
  1. il sottoscritto ha già avvisato i vigili urbani di venezia i carabinieri e il sindaco i quali non vedono l’ora di incontrare questi imitatori di colombo al contrario.
    Tali iniziative non hanno veramente niente di artistico, si tratta solo di poveracci affetti da narcisismo senza alcun talento ammalati cronici di nostalgia per gli anni 60 che mi dispiace per loro sono passati da un pezzo. Mi auguro prendano una bella multa cosi’ i 150.000 dollari che hanno ricevuto in regalo per questa installazione di merda li spenderanno tutti in itala e avremo guadagnato qualcosa. E voi di frizzifrizzi non pubblicate piu questa spazzatura occupatevi dei veri artisti non di questi ritardati mentali!!!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
Fifty Dogs with Graphic Lines: i ritratti canini minimalisti di Naomi Turco