Frizzifrizzi è in vacanza fino a inizio settembre.

The disposable memory project

The disposable memory project

74 (per ora) macchine fotografiche usa-e-getta sparse in tutto il mondo, con la speranza che vengano ritrovate, usate e rispedite al mittente.
The disposable memory project è un progetto fotografico molto ambizioso: raccogliere immagini provenienti da ogni parte del pianeta e pubblicarle online. L’arte si mescola con il quotidiano, il viaggio, la rete, il caso. Il tutto ad un costo davvero irrisorio sia per chi ha lanciato l’iniziativa che per chi – grazie alla curiosità – si trova a partecipare.

Nel momento in cui scrivo – a poco più di un anno da quando le prime macchine fotografiche sono state lasciate in giro per il mondo – quelle ritrovate sono 13 di cui tre già rispedite indietro e di cui si possono vedere online gli scatti.
In Italia non ci sono ancora usa-e-getta orfane quindi se volete prender parte anche voi al disposable memory project seguite le istruzioni ed abbandonatene una nella vostra città.

Altre storie
Il settimo numero di Pressing Matters, la rivista sulle arti della stampa