Boscolo Gift: per turisti potrei-ma-non-voglio

Boscolo Gift

Quando eravamo piccoli c’era quella famosa pubblicità che faceva turista fai da te? No Alpitour? Ahi ahi ahi ahi e che ai bambini piaceva tanto (ai genitori non so). Era l’epoca pre-internet e viaggiare fai-da-te, prenotando treni e alberghi, era raro – soprattutto per le famiglie – e considerata più che altro un’attività adatta a nordeuropei robusti, con la pettinatura alla Lothar Matthäus, abilità speciali come l’intagliare interi set di posate da semplici rametti e fusti di birra da portarsi appresso.

Poi è arrivata la rete. E sono arrivati voli low cost, i siti dove prenotare alberghi, i forum di viaggio con tutte le dritte, i blog con le segnalazioni e qualsiasi idiota over 50 (non perché gli altri siano idioti ma magari hanno problemi con il computer) ora è in grado di organizzarsi una vacanza su misura senza dover pagare gli studi ai figli dei proprietari delle agenzie viaggi.

Però… c’è un però. E’ vero che più o meno potrebbero farlo. Ma se volere è potere, potere non sempre si traduce in fare: manca la voglia, manca il tempo e a volte anche la fantasia.
Per questo arrivano in soccorso di questa nuova categoria potrei-ma-non-voglio i pacchetti speciale che a prezzi a volte interessanti propongono vacanze o weekend particolari.

E’ il caso di Boscolo Gift, dei mini-pacchetti weekend che la famosa azienda di alberghi/tour operators offre a chi vuol regalare a parenti o amici – ma potete anche regalarveli da soli – idee viaggio con un minimo di originalità.
Parlo di idee perché in effetti è proprio questo che acquistate: la fantasia di qualcun altro al vostro servizio, raccolta ed impacchettata in cinque differenti offerte: romantico, benessere, gusto, culturale e scorci d’Italia.

Si acquista il pacchetto, si sceglie l’itinerario che si preferisce (15 in ogni pack) e si ha un anno di tempo per consumare, prenotando telefonicamente o via internet.

P.S.
Se qualcuno di voi decide di comprarsi un weekend e sceglie questo mandatemi una bottiglia di Verdicchio. Sono in crisi d’astinenza…

co-fondatore e direttore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
Tesori d’archivio: Drawing Matter raccoglie disegni d’architettura e testi che esplorano il ruolo del disegno nella pratica architettonica