Milano Matrix: spiegato il successo del trench

trench

Durante queste uggiose giornate di Salone l’unica regola sarebbe quella di vestirsi a cipolla; un giorno staresti in t-shirt, il giorno dopo hai il cappellino di lana, in più la pioggia scende – per qualche strana legge fisica – da ogni angolazione possibile.

Invece no, i milanesi sostituiscono lo strato con un bel trench, solitamente scuro (nero o marrone) oppure nella versione beige, mimetizzandosi perfettamente tra la folla del centro e giocando a Matrix schivando con opportune piroette le seguenti minacce:

– piccione impazzito che ha puntato la tua testa;
– persona maldestra che ti punta l’ombrello in un occhio;
– deiezioni canine;
– manager che camminano alla cieca.

Volete farvi notare evitando quindi le suddette? Ecco una piccola review di alcuni modelli un po’ ammiccanti. A motivi il modello floreale di Guess by Marciano (1) e la versione blu chic per Original Penguin (3). Se preferite invece rimanere sulla tinta unita potete optare per quello bel verde brillante di Banana Republic (2) oppure se preferite osare c’è la rivisitazione girly tartan di Roxy (4)!

Altre storie
LenzuoLino: la riscoperta di un “nuovo” antico lino passa per un corredino da culla