Alixir: una giornata a Roma per scoprire il nero-Barilla

Alixir

Nel momento in cui uscirà questo articolo io ed Ethel saremo già a Roma, ci saremo fatti un bel giro della città dopo aver lasciato le valige in hotel, diretti verso l’aperitivo-presentazione e successiva cena presso l’Alixir Food Lounge, un temporary shop messo su in occasione del lancio di Alixir, la nuova linea di prodotti Barilla che tanto buzz – positivo e negativo – ha creato in rete fin dalla loro uscita.

Ho deciso di scrivere questo articolo a priori perché documentandomi un po’ sia sul prodotto che sull’evento che andremo a seguire mi sono fatto un’idea ben precisa e mettere nero su bianco le impressioni pre e successivamente post presentazione mi è sembrato un bell’esperimento per vedere quanto io stesso possa essere fazioso a priori (basandomi su impressioni e non su fatti concreti) oppure a posteriori (dopo aver partecipato ad un incontro messo su apposta – come lo sono tutte le presentazioni – per vendere in qualche modo il prodotto a bloggers e giornalisti ed innescare la classica carambola di passaparola che ogni azienda sogna di avere dal web).

Alixir Food Lounge

L’idea che mi sono fatto prima di partire è essenzialmente questa: la Barilla ha deciso di spendere una montagna di soldi in una nicchia relativamente nuova del mercato alimentare, quella salutista-chic.
La montagna di soldi è servita perlopiù a creare la confezione. Quella materiale (packaging e design) e quella emozionale (eventi, hype, pubblicità).
Tra gli eventi, la parte del leone l’hanno fatta i due temporary shop aperti a Milano e Roma. In apparenza un’ottima idea, a parte un pizzico di banalità: ora per presentare qualsiasi cosa, pure le tende fatte a mano da mia nonna, si tende ad aprire un temporary shop. Che di solito va sempre a braccetto con il mondo dei blog: essendo temporary, e quindi in qualche modo veloce nell’aprire e successivamente chiudere i battenti, le riviste di settore non riescono a star dietro alla notizia – causa i tempi di produzione di un magazine – e quindi si affida ai bloggers il compito di diffondere il seme pubblicitario.

A parte questo, dicevo, la dispendiosa creazione dei negozi temporanei (dove comunque si può degustare gratuitamente, quindi finché sono aperti, passateci!) rivela una certa ingenuità da parte di un grosso marchio come Barilla nel cercare di accaparrarsi il tipico temporary-target (giovane, cultura medio-alta, soldi da spendere, voglia di essere coccolato) con un prodotto che poi, una volta chiuse le temporary-porte e finite le temporary-coccole chic, lo si potrà trovare solamente nei templi della massa: i supermercati e gli ipermercati.
I conti non tornano. E i prezzi dei prodotti (alti) e le qualità salutistiche della linea Alixir (già ampiamente messe in dubbio da colleghi che ne sanno molto più di me di scienza alimentare) li fanno tornare ancora meno.

Mi chiedo quindi, prima di entrare anch’io per un weekend nel girone dei bloggers coccolati, chi comprerà i prodotti Alixir?
Li presenti a quelli (considerati) fighi ma poi li vendi dove vanno quelli (considerati) sfigati. Li fai pagare un prezzo degno di qualcosa di esclusivo ma poi, tolto il pacchetto, quello che c’è dentro così esclusivo forse non è. Mi viene in mente una possibile soluzione: non è che la fanno sembrare una cosa da fighi, proprio per venderla a un prezzo più alto a quelli non fighi che pensano di essere fighi portandosi a casa una cosa da fighi?

Domani sera tornerò alla base e vi saprò dire se avrò cambiato idea oppure no.

co-fondatore e direttore
  1. Beh anche io concordo con il tuo pensiero… è il marketing selvaggio di questi tempi dove sembra tornato in gran auge il lusso e l’opulenza… pure all’Ipercoop! e in piena crisi economica aggiungerei ;)

  2. sono curiosa i leggere il (scusate il gioco di parole) post “post”…
    questo mi è piaciuto e lo condivido, soprattutto rispondo sì alla tua ultima domanda…

  3. Ciao,
    appoggio la tua linea di pensiero sul fatto che tolto il pacchetto (che nemmeno è figo) il prodotto figo non è, addirittura durante l’inaugurazione del temporary di milano due persone son dovute andare al pronto soccorso per reazioni allergiche a qualche ingrediente contenuto nei prodotti che facevano assaggiare.
    L’idea di temporary shop invece la trovo interessante, e l’esperimento Alixir con le animazioni interattive, touchscreen e qxtest (quello che calcola quanto stai bene) riescono ad intrattenere il visitatore almeno in maniera attiva senza ridursi al solito giro, vedo ed esco dal negozio.

    ciao

  4. Ieri sera c’era una allergica al lattosio e per fortuna (e coscienziosamente) l’ha detto prima di farsi preparare gli assaggi dagli chef.
    Anche Ethel ha intolleranze alimentari quindi fa un po’ di attenzione prima di mangiare.
    Questo non penso sia colpa dei prodotti ;)
    Comunque prestissimo arriva la seconda parte: ovvero, il post-articolo.

  5. sono d’accordissimo sulle disquisizioni di mktg. Appartengo alla categoria di quelli che fanno la felicità dei creatori di prodotto (visto che acquisto tutto quello che sa di novità) ben consapevole di quello che c’è sotto.
    Però devo dire che, i creackers non sono male, mentre i succhi di frutta sono sempre per ingenui.
    Dire che facciano bene quando si sa che il potere della frutta deperisce a mezz’ora dalla spremitura vuol dire svelare la “vacuità” del prodotto, mera operazione di marketing..

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
Tesori d’archivio: tutti i numeri della rivista anni ’70 icographic da scaricare liberamente