Belle Sauvage

Belle Sauvage

Se un giorno qualcuno mi chiedesse di indicargli un brand indipendente che possa rappresentare in un colpo solo la grafica, lo stile, il sound di questi ultimi due anni credo che gli indicherei Belle Sauvage.

Le linee semplici, allo stesso tempo retrò e futuristiche – che sarebbero state bene in un film di fantascienza girato quindici anni fa ed ambientato oggi – le grafiche a motivi geometrici, essenziali come fossero state disegnate da un bambino islandese con tante fiabe in testa ed un righello fatto di ghiaccio in mano, e quell’attitude che pervade la collezione e sembra fare da visual ad una colonna sonora realizzata da M.I.A., Panda Bear e Bonde Do Role, mescolati tutti assieme…

Belle Sauvage nasce dall’incontro, in Argentina, tra il film-maker e grafico lussemburghese Chris Neuman e la traduttrice (!) e fashion designer argentina Virginia Ferreira. Nel 2005 i due hanno dato il via al loro progetto a Londra.
I prodotti Belle Sauvage li potete acquistare online oppure, in Italia, li trovate da Little Black Dress, a Caserta.

Dopo il salto, altre immagini dall’ultima collezione.
Belle Sauvage

Belle Sauvage

Belle Sauvage

Belle Sauvage

Altre storie
Le Cartoline Gioiello nate dalla collaborazione tra la designer Giulia Tamburini e il disegnatore Ettore Tripodi