Hard Format: la musica e l’arte del packaging

Hard Format

Ricordo che andando a curiosare nella collezione di lp di mio padre rimassi di sasso ad ammirare Electric Ladyland di Jimi Hendrix (in effetti, vista l’età, era più che altro per l’abbondanza di donnine – anch’esse abbondanti: beati anni ’60…).
Mi resi conto per la prima volta che tutto quel popò di carne nuda – scusate l’espressione – su una cassetta non ci stava e se ci stava di sicuro non era la stessa cosa.

Poi arrivarono i cd. Freddi come le lenzuola in dicembre, ma affascinanti perché ti ci potevi specchiare dietro, in una miriade di colori che uscivano fuori. Poi acquistai il mio primo cd cartonato, Vitalogy dei Pearl Jam, accompagnato dall’affascinante booklet con 36 pagine di disegni anatomici, stile ‘800: il cd acquistava finalmente una sua dimensione calda, al tatto e alla vista, che dava quel qualcosa in più anche alla musica.

Oggi siamo in piena era iPod. La musica perde il suo supporto fisico e al posto di interi scaffali pieni di dischi basta un hard-disk per contenerli tutti e uno schermo per sfogliare una dopo l’altra le copertine.
Eppure c’è chi ancora prova a fare del music packaging un’opera d’arte: su Hard Format trovate il meglio del packaging design odierno, tra cd, dvd e vinili.

via Multilink Magazine

co-fondatore e direttore
  1. Per questo adoro e compro quasi esclusivamente LP…
    Purtroppo non tutti comprendono, perchè più propensi ad un supporto comodo e veloce: l’mp3, come dicevi tu.
    Ma si perde tutto un aspetto della musica non importante come la musica incisa su un supporto, ma comunque piacevole da gustarsi. Le copertine. La sensazione tattile di un disco in vinile. La cura che se ne deve avere. L’impegno nel prenderlo, spolverarlo, appoggiarlo e mettergli su la puntina. Poi il girare il lato…toglierlo e riporlo nella sua busta.
    La musica in vinile non la si può ascoltare distrattamente. E questo è un valore aggiunto.

    Ciao Simone…bellissimo il link che hai postato.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
LogoArchive: un numero speciale sul design dei logo giapponesi