Menu di Natale: i vini da abbinare

Menu di Natale: i vini da abbinare

Se siete già rimasti colpiti dal menu natalizio di Ilva, eccovi i miei consigli sui vini da abbinare alle sue meravigliose ricette!

ANTIPASTO:
Viste le festività e l’ottimo crostino, si può partire con un buon Prosecco di Valdobbiadene.
Consiglio vivamente il Bisol Jeio Extra Dry, un prosecco tra i migliori, con una buona freschezza e bevibilità.
Tra formicolio del piatto e perlage sottile del vino la serata non può che iniziare con brio.

PRIMO PIATTO:
Continuiamo con un altro bianco, questa volta di maggiore struttura. Si va in Friuli alla ricerca dei suoi vini principi…
Tocai Friuliano e Ribolla Gialla, meglio però se entrambi li troviamo in un unico bottiglia!
Eccolo servito: il Biancosesto della cantina La Tunella.
Non perché quest’anno il Gambero Rosso gli ha dato tre bicchieri ma, credetemi, siamo di fronte ad un grande bianco italiano, assemblato con cura e passione, che trasmette subito un sapore fruttato, armonico e pieno. Lungo, persistente e di facile beva. Alla fine della bottiglia lo rimpiangerete…

SECONDO PIATTO:
Con il secondo piatto, a questo punto, vi farei bere volentieri un rosso.
Lo so, visto il periodo lo aspettavate, avete ragione. Ma voglio anche spiazzarvi un po’: petto di pollo, fichi e aceto balsamico non possono che amplificare e completare un grande vino come l’Orgiolo, Lacrima di Morro d’Alba di sir, maestro e padre del suddetto vitigno, Marotti Campi.
Vino quasi vellutato in bocca, con un profumo particolarissimo. Può sembrare strano ma annusandolo sentirete veramente la violetta e il pepe nero. Assaggiatelo e mi direte! Non aspettativi un vino muscoloso quanto piuttosto piacevole da bere, che non potrà far altro che stupirvi.

DESSERT:
Ora siamo alla parte dedicata ai golosi, un dolce facile da fare e piacevole da mangiare.
Quindi abbiniamoci pure un buon Moscato d’Asti, che per me è uno dei migliori vini da dessert al mondo.
La mia scelta cade sul Nivole di Michele Chiarlo. Fresco e fragrante e mai stucchevole, ideale per questo tipo di dolce, è un vino non banale che si lascia molto apprezzare anche dai bevitori occasionali.

  1. Che dire ottima scelta… Volendo suggerirei un buon distillato: l’ottima grappa le pergole torte dell’azienda agricola montevertine. Da provare assolutamente adatta anche per quelli che non gradiscono questa categoria di alcolici. Il mio é solo un consiglio , ciao Gigi.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
Fare il giro del mondo in 80 bicchieri con un atlante degli alcolici