I 53 posti da visitare nel 2008

Praga - Turisti

Il New York Times stila una lista di 53 luoghi da visitare il prossimo anno, ovviamente da un punto di vista americanocentrico.

Non si spiegherebbe altrimenti la Toscana, al 19esimo posto (bellissima d’accordo, ma esiste anche qualcos’altro in Italia…), Rimini (al 28esimo posto: aiuto!) e Praga, addirittura al 14esimo: l’estate scorsa ho messo una pietra sopra a Praga dichiarando, davanti ad orde di turisti maleducati e insopportabili (e, guarda un po’, perlopiù italiani ed americani, come quelli fotografati qui sopra dal sottoscritto), mai più!

Comunque sia, ovunque decidiate di andare, non dimenticatevi di appuntarvi nella lingua del paese che visiterete, le quattro frasi da viaggio essenziali.

co-fondatore e direttore
  1. “visita veramente” Rimini e non da turista, capirai il perchè. Capirai perchè la maggior parte dei ragazzi che vengono a studiarci poi decidono di fermasi in pianta stabile.

  2. Senza dubbio. Anche Praga è bellissima ma quando ti trovi in mezzo a tonnellate di carne umana che grida, urla, non rispetta le code, non ti fa passare, anche il posto più bello del mondo diventa un cesso.

  3. Io abito a Firenze, lavoro in centro, con i turisti. Finchè sto dentro l’ufficio (cambio-valuta) sono sopportabili, ma mi viene uno stress a camminarci in mezzo! Non ti puoi mai godere la città. Mai. A volte verso le due, le tre di notte. Purtroppo vivere nelle città d’arte è piuttosto brutto, soprattutto in Italia dove i turisti sono quasi tutti americani e italiani e sono in ugual modo maleducati e insopportabili. Vanno solamente nei tipici posti “da vedere”, di corsa, e poi si rinchiudono da Zara. Non avete idea di quante volte mi sia sentita chiedere dove sia H&M, Zara o quel che è, mentre ad una mia collega hanno chiesto da che parte si andava per il ponte di rialto. No Comment.
    In conclusione: ma lasciamole proprio perdere le guide fatte dagli americani!!
    Anzi, un consiglio che io applico SEMPRE quando vado a visitare qualche città. Le città oltre all’architettura sono fatte dalle persone che ci abitano. Per almeno uno o due giorni andate a perdervi nelle stradine, andate proprio a zonzo. Evitate accuratamente i posti da vedere che stanno sulla guida. Io lo faccio spesso anche a firenze, aiutata al massimo dal mio pessimo senso dell’orientamento. Ad un certo punto sbuco in una strada che conosco e mi dico: ma guarda un po’ dove sono arrivata!
    E tutte le stradine meravigliose che ho visto erano deserte. I turisti erano tutti in via Calzaiuoli. Sigh!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
Flickr/Week(r) | Béton brut