Giulia Boccafogli e Maria Callas?

Giulia Boccafogli - Callas

Di Giulia Boccafogli e dei suoi Giulielli, ho già scritto [vedi articolo].
Ora vi chiedete, cosa ha in comune con Maria Callas? Datemi diciamo 10 righe, forse anche meno, e ve lo spiego!

Quest’anno, ricorre il trentennale delle morte della Divina, in tutto il mondo sono moltissimi gli eventi organizzati per ricordarla. A Bologna, presso il Museo della Musica, apre oggi ed è visitabile gratuitamente, una interessante mostra: Callas sempre Callas. Troverete esposti : documenti, costumi e gioielli di scena, ma anche oggetti personali e foto.

A Giulia gli organizzatori hanno chiesto di creare una collezione, in edizione limitata di 20 pezzi, ispirati alla Callas. Noi di Frizzifrizzi, li abbiamo visti ieri, sono veramente molto belli ed in vendita presso il Book Shop.
Perciò, se siete in giro per Bologna e non trovate il regalo giusto…passate al Museo!

P.s. Encomiabili e lungimiranti, gli organizzatori che hanno dato questa possibilità ad una creatrice giovane e brava.

Callas sempre Callas
@ Museo della Musica
strada Maggiore 34, Bologna
(vedi mappa)

dal 5 dicembre 2007 al 27 gennaio 2008
ingresso libero

Dopo il salto trovate tutte le foto delle creazioni di Giulia Boccafogli e della mostra.

Giulia Boccafogli - Callas

Altri pezzi della collezione

Giulia Boccafogli - Callas

Giulia Boccafogli

Giulia Boccafogli

Callas Sempre Callas

Qui sopra e di seguito, alcuni abiti di scena della Callas, esposti durante la mostra

Callas Sempre Callas

Callas Sempre Callas

Callas Sempre Callas

co-fondatrice e caporedattrice
  1. I giulielli sono già molto belli nelle collezioni normali, non vedo l’ora di passare in Strada maggiore a vedere la mostra, che sarà stupenda e questi gioielli!!

  2. Bravissima Giulielliera!
    Come sempre, passero’ al museo anche perche’ son curiosa per la mostra (cosi’ come disse il mio ex-maestro del coro: scopriro la Callas che e’ in me! ma perche’ io non la trovo??? ;-) )

    bacioni
    C.

  3. The costumes shown on the fotos have perhaps been inspired by Callas but she never used these on stage ! What is that ewhibition ???!!!

  4. Col solito ritardo ringrazio Frizzi Frizzi per essere venuti all’inaugurazione. Grazie a Francesca per le sue belle parole e per la pazienza e per aver sottolineato il merito degli organizzatori che sono stati gentilissimi e disponibilissimi con me.
    Grazie a Simone per le belle foto. E’ stata un’occasione importante e stimolante, come tutte quelle esperienze che ti portano a scoprire qualche cosa di nuovo di un universo che conoscevi solo in parte.
    *For Robin: the costumes shown on the pictures taken in the museum, come from the personal collections of the two collectors who have organized the exhibition. I don’t know exactly the operas in which she used them, I’m sorry, but I’m sure you can take all the informations you need by visiting http://www.museomusicabologna.it/callas.htm, the official site of this event. Consider that the most of the items shown are intoduced for the first time to the public, and this is the great attractive of the exhibition.
    I’m sorry for my english but I don’t have many occasions to practice it.
    Fritha: grazieee!!! E speriamo possano piacere al pubblico che visita la mostra!
    Cecilia: grazie a te per i bei complimenti che mi fai, in realtà i Giulielli sono in continua evoluzione e come ogni grande passione spero non si esuriscano mai le idee.
    CeciliaP: sono certa che la visita alla mostra possa essere d’ispirazione per la tua grande passione!

    Grazie ancora e per ogni informazione in merito alla collezione speciale callas sono a disposizione.

    Giulia

  5. :-) Posso fare un sorriso virtuale? Sono passata sabato pomeriggio al Museo per vere come andavano le cose e mi avevano annunciato la vendita degli orecchini, quando ho letto qui, la prima cosa che ho pensato è che ero felice di sapere a chi, credo, siano stati destinati! Grazie ragazzi! Del supporto e di tutto quanto! devo scrivervi una mail per aggiornarvi su una grande incredibile novità! Donne in corriera crescono! Un bacione e grazie!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
I costumi ritrovati della Turandot, in mostra al Museo del Tessuto di Prato