Nitae: il vino che non c’è

Nitae

Volete soprendere i vostri cari quest’anno, durante il cenone di Natale o di Capodanno? Portate loro una bottiglia di Nitae: unica nel suo packaging, su ogni bottiglia un autentico cristallo Swarovski, sarete i più glamour della serata.

E nel momento in cui verrà aperta, sorprenderete di nuovo tutti.
Sì perché il vino non c’è, non esiste ancora, ve lo daranno dopo tre anni, tanto ci vuole per produrre una bottiglia di Nitae. E per spiegare agli invitati come mai il vino non c’è, incanterete tutti con una delle più belle storie che abbiate mai sentito.

Il progetto Nitae nasce dal sogno di “un viticoltore follemente innamorato del suo lavoro che ebbe una intuizione: sognò di creare un vino perfetto, unico, preziosissimo.
Scelse nelle sue proprietà la particella migliore, dove la sua terra era cullata dal mare Adriatico e dissetata dalla Majella madre, con cura e rispetto vi impiantò una vite forte come l’Amore e gentile come il Cuore.

Lavorò al suo sogno con passione in quelle terre decantate da Gabriele D’Annunzio, custodite dai pastori e condotte dalle paranze. Raccolse con cura i frutti di tanto lavoro e li fece pigiare come avveniva anticamente dai piedi di giovani fanciulle. Ne ricavò un dolce vino, che fece riposare in botti di ciliegio.

Creò il Nitae. Vino unico e raro. Pregiato e ricercato.

E ne selezionò poche bottiglie. E le confezionò a mano. Una ad una. E su ognuna di esse incastonò una gemma.
Per ricordare a chi avrebbe scelto il Nitae, di trovarsi innanzi ad un vino prezioso, il cui involucro ricco non sarebbe mai stato al pari dell’inestimabile contenuto.”

Quest’anno, quindi, stuzzicate la curiosità dei vostri cari e tra tre anni ritrovatevi insieme per amare questo nettare unico e preziosissimo.

Ecco il link per entrare nella leggenda…

  1. Io ho chiamato l’azienda al telefono, sono stati gentilissimi. Mi hanno garantito che stanno rispondendo a tutti ma vanno un po’ a rilento per il numero delle prenotazioni che stanno ricevendo. Volevo anche ringraziare Shin Yu per questa segnalazione davvero interessante! Brava!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
Le bottiglie di Altos Tequila, decorate una a una dalle artigiane Huichol