Grasso che cola

Grasso che cola

Vi vedo già, nei caldi weekend estivi, scorazzare per i parchi pubblici, libro e bottiglia d’acqua in mano, tristissimi nella vostra magrezza senza sapore, gettare sguardi d’invidia verso le grasse famiglie con quintali di carne e verdure unte al seguito, da cuocere alla griglia, preludio a grandi e russanti dormite sotto l’ombra di qualche albero.
Beh, per quest’anno potete pure fare uno strappo alla regola e godervi una giornata di barbeque selvaggio. Quello che vi serve è un macellaio di fiducia e un maialone rosa da mettere in giardino o in terrazza.
Nome in codice BBQPIG Lil’ Pig. Dubito che lo troviate anche qui in Italia ma varrebbe comunque la pena cercarlo. Anche solo per scattarvi qualche centinaio di foto accanto alla bestia e tirarsela con amici e vicini.

co-fondatore e direttore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
Scarti d’Italia: un viaggio in cerca di frattaglie nell’Italia dei saperi e dei sapori