Sogni fatti a maglia: il fashion design sperimentale di Sandra Backlund

Sandra Backlund - Don't WalkIl punto di partenza è sempre il corpo umano. Sono affascinata dai modi in cui puoi evidenziare, distorcere, trasformare la naturale silhouette del corpo per mezzo di abiti e accessori.
Io realizzo i miei capi da piccoli pezzi realizzati a mano, che unisco gli uni agli altri in modi sempre differenti, per scoprire la forma che voglia.
Il mio approccio alla moda è più quello di uno scultore che di un sarto. Secondo me l’abbigliamento è la forma d’arte più democratica, qualcosa al quale tutti si relazionano, coscientemente o meno.

Parola di Sandra Backlund, fashion designer svedese.
Guardatevi tutte le sue collezioni, rigorosamente monocromatiche e realizzate a mano: vestiti di lana destrutturati, scomposti, contorti. Sembrano usciti da un film di fantascienza…

Via Life*Fever

Altre storie
«Volevo trovare il segreto in un fiore»: la scrittrice e illustratrice Kitty Crowther è la protagonista del nuovo numero di Oblò