Ricetta: girelle di pasta sfoglia ripiene di cavoletti di Bruxelles, zenzero e noci

girelle di pasta sfoglia ripiene di cavoletti di Bruxelles, zenzero e nocigirelle di pasta sfoglia ripiene di cavoletti di Bruxelles, zenzero e noci

Lo so che molti hanno avuto da bambini esperienze orribili con i cavoletti di Bruxelles e per molti la stessa brutta esperienza si estende a tutte le verdure.
Io no, non ricordo di aver mai avuto problemi con le verdure da piccola, al contrario le ho sempre amate, a me invece faceva paura il grasso sulla carne, per colpa del quale restavo seduta per ore al tavolo da pranzo.
Mi piaceva la carne, ma la consistenza delle eventuali parti grasse mi paralizzava. Le verdure erano sicure, non c’era grasso nascosto ed il sapore era grandioso.
Anche se mi sono riconciliata con il grasso della carne, amo ancora le verdure. Inclusi i cavoletti di Bruxelles.

GIRELLE DI PASTA SFOGLIA RIPIENE DI CAVOLETTI DI BRUXELLES, ZENZERO E NOCI

INGREDIENTI:

* Pasta sfoglia (non la uso molto e quando la compro ho sempre la sensazione di stare per mangiare grassi transgenici, ma chi se ne frega, ogni tanto mi piace maltrattare il mio corpo, perché dovrebbe essere solo la mia mente (lo spirito) a vivere con la consapevolezza che la vita è dura? E poi io sono troppo pigra per farla da sola (in casa)
* Cavoletti di Bruxelles
* Zenzero fresco
* Noci tritate
* Sale
* Olio di oliva

PROCEDIMENTO:

Pulite e tagliate i cavoletti a pezzi molto piccoli prima di cuocerli nell’olio, unendo il sale.
Pelate e tritate lo zenzero molto finemente. A me piace il sapore dello zenzero fresco, talmente tanto che lo aggiungo ai cavoletti quando sono già cotti, voi potete aggiungerlo anche prima se lo preferite.
Aggiungere poi le noci tritate.
Disponete i cavoletti di Bruxelles su un rettangolo di pasta sfoglia, lasciate 2 o 3 cm da uno dei lati lunghi e cominciate ad arrotolare dall’altro. Chiudete il rotolo facendo pressione sul lembo “pulito” della pasta.
Tagliate il rotolo in pezzi rotondi e cuocere in forno a 175° C per 10-15 minuti finché non vi sembrerà pronto.

contributor
  1. girella, girella…….
    basta leggere il nome per ricordare il sapore della merendina, comunque anche quelle salate non sono male.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
Fare il giro del mondo in 80 bicchieri con un atlante degli alcolici