Frizzifrizzi è in vacanza fino a inizio settembre.

Martina Merlini e i pennuti

Se non segui Frizzifrizzi solo attraverso gli RSS ed hai almeno un paio di decimi di vista sono sicuro che avrai già notato la cornacchia che si aggira in cerca di cibo sull’header del nostro sito.
E sappi che quando chiudi la finestra (del browser) o incautamente lasci Frizzifrizzi per andartene da qualche altra parte lei se ne vola via e compare sullo schermo di qualcun altro.
Non è una cornacchia facile, e soprattutto non è una cornacchia come tutte le altre perché questa l’ha disegnata per noi Martina Merlini, bravissima illustratrice che ho già avuto l’onore di intervistare non molto tempo fa e che negli ultimi tempi ha sfornato volatili come se piovesse.

Interrogata sul perché di questa passione, subito dopo averci mandato il magico esemplare di cui sopra, Martina ha dichiarato:

Ho cominciato a disegnare pennuti per la loro indubbia eleganza volatile.
Poi qualcuno mi ha chiesto di dare una risposta seria ed articolata sull’argomento, che i Contenuti sono importanti e l’Estetica non è abbastanza.
A quanto pare in molte tradizioni religiose, credenze popolari e mitologie, l’anima è un uccello.
Alcuni studiosi del secolo scorso avevano misurato il peso di un corpo prima in vita e poi subito dopo la morte. La differenza era esattamente di 23 grammi, il peso medio di un uccello di piccola taglia.
Ecco, questo l’ho trovato interessante, se non altro molto poetico.