•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Montgomery

Ancora una volta tornano alla ribalta i favolosi anni ’80, questa volta con un capo che ne fu, insieme al bomber Moncler dei paninari, il simbolo: il Montgomery.
Questo capo deve il suo successo, un po’ come il trench, all’ambiente militare. Infatti la Royal Navy lo introdusse nelle dotazioni dei marinai e, grazie al generale Montgomery, divenne un capo popolarissimo.

Il Montgomery è un cappotto di media lunghezza le cui peculiarità sono l’immancabile cappuccio e i particolari bottoni alamari (tipo cornetti) che chiudono il capospalla non attraverso le asole ma con dei particolari lacci.
Negli anni ’80 un classico era averne uno blu notte o con fantasia simil scozzese: non c’era uomo, donna o bambino che non ne possedesse uno. Io, bambina appunto, ne avevo uno rosso.

Naturalmente le proposte odierne sono le più eterogenee, rivisitate, rielaborate, spesso in tessuti innovativi ma pur sempre affascinanti e intriganti. Trovo che sia uno di quei capi che non dovrebbe mai mancare nel guardaroba, da mettere sempre, con eleganza o casual, ma con lo spirito libero.
Ecco qualche proposta per tutta la famiglia:

(1) modello da bambino Portoduffle e (2) da bambina Natachacoat.
(3) Benetton (4) Miu Miu, (5) Burberry Prorsum e (6) Jean Paul Gaultier, da donna.
(7) Moncler e (8) Tommy Hilfiger, da uomo.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  • ProfessorOdd

    Il Montgomery “simbolo degli anni ottanta”?!?!?!
    Ma quando sei nata?
    Possibile che non sappiate scrivere qualcosa che vada oltre le solite banalità sui “favolosi anni ottanta” (ma poi c’eravate? li avete vissuti? di tanto favoloso non avevano sto granché…)?

  • Federica

    Io, bambina degli anni 80, me lo ricordo benissimo e ne avevo uno verde, In efffetti era molto in voga in quel periodo…. forse sei tu che non hai vissuto gli anni 80 ;-)

  • LadyD

    ProfessorOdd, probabilmente non hai saputo apprezzarli, io li ho vissuti, non adoro il montgomery, ma amo moltissime altre cose anni 80, bastava quindi apprezzarli di più