moyupi_1

MOYUPI: trasforma i disegni dei bambini in pupazzi stampati in 3D

Da qualche parte, a casa dei miei, c’è ancora una cartellina con dentro una selezione — una specie di “best of” — dei miei disegni della materna (ché nel ricordo ti sembra di aver...

cafferini_3

I “codici segreti” delle facciate pisane durante la Luminara

Carlo Cafferini, classe 1985, è un fotografo con la passione per l’architettura, le finestre e le facciate e vive a Pisa. Cosa non irrilevante, perché quest’anno in occasione della Luminara (vocabolo pisano per «luminaria»)...

ninos_moda_2

Come i bambini vedono le foto di moda

«Sembra spaventata», dice uno. «Sembra… povera», aggiunge un altro. La bambina occhialuta è più pratica: «ha bisogno di un kit del pronto soccorso per essere curata», dice. «O forse è ubriaca» taglia corto la...

Tesori d’archivio: altri vecchi poster turistici

4.8.2015 / / design, tesori d'archivio
0 Commenti
courtesy Anniversary Books

Qualche settimana fa abbiamo inaugurato una collaborazione con Anniversary Books, casa editrice che, oltre a un bel catalogo di pubblicazioni illustrate dedicate alla cultura pop del Novecento, ha anche un immenso archivio di poster d’epoca, parte del quale ancora in fase di catalogazione. Dopo una prima galleria di vecchi poster turistici anni ’60 e ’70 [...]

Leggi il resto.

Bloop – international proactive art festival: il “multiverso” ti aspetta a Ibiza

4.8.2015 / / arte, eventi, musica
0 Commenti
bloop_1

Ibiza è sempre stata una meta di pellegrinaggi perché, almeno stando alle leggende, l’isola spagnola sarebbe una sorta di “portale”. Sai, no, le storie sui giganti, sugli elfi, sull’ultimo rifugio dell’umanità (almeno secondo Nostradamus), sugli ufo che si aggirerebbero attorno a Es Vedrà — l’isoletta a sud ovest di Ibiza, quella della copertina di Voyager, [...]

Leggi il resto.

Guida semiseria di sopravvivenza al Primavera Sound Festival

consigli per chi andrà l'anno prossimo e suggerimenti su cosa fare nel frattempo

4.8.2015 / / eventi, musica
0 Commenti
fabryka_primavera-1676

Un mese. Questo è il tempo necessario per ritornare alla vita normale e recuperare il debito di sonno dopo quattro giorni al Primavera Sound — o almeno, questo è il tempo che c’è voluto per me che, forse, non ho più l’età. Un altro mese ci vuole per rimettere insieme i pezzi e tirare finalmente [...]

Leggi il resto.

Prisma Guitars: chitarre realizzate con vecchi skate usati

4.8.2015 / / design, musica
0 Commenti
(fonte: prismaguitars.com)

Belle sono belle e molto allegre e colorate e ecologiche, ma suoneranno questi arnesi mi chiedo, mentre un po’ persa fisso lo schermo che mi ha “portato in casa” le chitarre realizzate a mano dal 22enne californiano Nick Pourfard. Nick è uno studente di design ed ha da poco dato vita al brand Prisma Guitar, [...]

Leggi il resto.
(fonte: ellinorericsson.com)

X Me Collection: le sedute nordiche col punto croce

4.8.2015 / / design
0 Commenti

Questa collezione di mobili nasce come risposta alla domanda “perché i mobili nordici devono essere privi di ornamenti?” Domanda e risposta vengono dalla designer danese Ellinor Ericsson. Ellinor parte esaminando l’estetica ridondante dei mobili...

L22A6264-1-e1438605682202

Hana Bi: la nuova collezione estiva di Studiopretzel, ispirata al Giappone e al capolavoro di Kitano

3.8.2015 / / moda
0 Commenti

È uno dei riti di fine estate, perlomeno dalle mie parti. Ti sdrai sulla collinetta, in mezzo all’erba, accanto a una vecchia chiesetta diroccata, a guardare i fuochi d’artificio che partono da lì sotto,...

michaeleaton-54913b2d192dcbb

I tarocchi della “cultura black” (con tanto di supervisione di Jodorowsky)

3.8.2015 / / arte
0 Commenti

C’è James Brown, c’è Malcolm X, c’è Chuck Berry, c’è Richard Pryor (l’attore di Chi più spende… più guadagna!, indimenticato film degli anni ’80), c’è Tina Turner, c’è Sun Ra… Ci sono, in pratica,...

foto: Marco Sfrevol Montanari
(courtesy: Santarcangelo Festival)

L’erba cattiva non muore mai: intervista ad Andreco sul lavoro svolto durante l’ultimo Santarcangelo Festival

3.8.2015 / / arte, eventi, interviste
0 Commenti

Mi chiedo se passerà mai, ai giornali italiani, la tendenza a semplificare tutto appiccicando facili etichette, accompagnate da “foto schock” e moralismo un tanto al chilo. Perché a giudicare da quel che è stato...

← Post più vecchi